L’essenza della nostra terra

C’era una volta

L’essenza della nostra terra

una terra fertile e generosa e c’era una famiglia appassionata di cucina.
È così che si potrebbe iniziare a raccontare la storia de Le Coeur du Pont.
Ma non ci sono fiabe da raccontare. C’è un sogno.
Il sogno di Maria Lorena.
Era l’anno 2012 quando, un po’ come Victor Frankenstein, Maria Lorena diede vita a Le Coeur du Pont. Il ristorante si godeva l’imponenza del Ponte Romano, regalando a tutti una vista mozzafiato.
Nel 2014 qualcosa cambiò.
Un’opportunità bussò alla porta e, come un’ondata di brezza al mattino, portò un profumo di amore. Lorena si ritrovò catapultata nei ricordi, nei sogni.

Ponte Romano di Pont-Saint-Martin

Viaggia e scopri il mondo per il semplice piacere di farlo.

“Era una giornata strana, la classica di settembre. Le foglie colorate dei castagni davanti
alla chiesetta di Tour d’Héréraz, cadevano ad ogni soffio di vento. Il profumo dell’uva si
mescolava al Coco Chanel, creando una dolce melodia. Le margherite e i ricci verdi e
arancioni coloravano la chiesetta. Tutto era perfetto il quella giornata di magia. Due Sì
scoccarono come frecce nel silenzio della chiesetta. Lorena e Paolo misero un sigillo al
loro amore. In quella giornata di sole e pioggia la festa si spostò a Donnas, nel borgo
medievale, in un ristorante albergo. Entrando si poteva sentire il profumo accogliente
della legna scoppiettante.
Si chiamava Saint’Ours.”

Il ristorante del suo cuore la stava aspettando.

Il cuore di Maria Lorena si riempì di gioia. E proprio come una donna innamorata sentì il bisogno di dichiaralo. Così, ogni giorno c’era un cuore da mettere o da disegnare in qualche parte della casa e, in modo quasi morboso, il cuore diventò il Re di casa.

Il locale dell’amore

dei cuori

Speriamo di vederti presto

Lettere da Le Coeur du Pont

Albergo Le Coeur du Pont

© 2020, Le Coeur du Pont All Rights Reserved.